Come dice la mia amica Camilla Bordoni …. “più radiosa che mai” … il mio sorriso, catturato dalla mia collega Lidia Tamponi, ha decisamente in sé qualcosa di radioso.

Il commento a caldo di alcune persone è stato “accidenti, cosa ti è successo?” sottintendendo un ipotetico cambiamento doloroso della mia vita.

Beh … un cambiamento sì, doloroso anche no …

Da un lato è stato un po’ come una separazione, tagliare via qualcosa di me e dall’altra ho sentito la necessità di una sorpresa nel guardarmi allo specchio, un po’ come svegliarmi dal torpore, respirare aria nuova e riscoprire energie sopite. Ho provato il desiderio di guardarmi e di innamorarmi di me stessa … di nuovo … con la consapevolezza di essere molto di più di quello che vedo nello specchio.

 E’ vero, spesso il cambio radicale del proprio look è associato ad una separazione, un lutto … qualcosa che c’era e adesso non c’è più, quindi legato ad un episodio triste e doloroso. Mi chiedo: è proprio così ?

In realtà per me, separarmi dai miei riccioli spettinati e ribelli, ha il significato di mettermi “a nudo”, lasciando scoperte le mie nuove rughe, i miei occhi pieni di luce, il sorriso radioso e un po’ storto.

In fondo è vero che il cambiare radicalmente il mio aspetto ha a che fare con una fase di cambiamento della mia esistenza. Infatti ha a che fare con la voglia di rinascere e di esprimere e celebrare questa rinascita con qualcosa di tangibile, visibile e netto … insomma pagine bianche … riprendendo le parole del mio amico Vincenzo Parma ne L’ Incantesimo dei tanti mondi

individuare, nella propria enciclopedia, pagine ancora da scrivere, piuttosto che voci ancora da leggere.

Rinascita dunque … per lasciare cosa e andare verso cosa ?

Ogni cambiamento nella mia vita ha necessariamente implicato una trasformazione che ho attuato lasciando andare ciò che non mi serviva, per creare lo spazio necessario ad accogliere il nuovo.

Lasciar andare ciò che risulta pesante e stagnante è dal mio punto di vista un atto di coraggio perché, per certi aspetti, è più “facile” gestire qualcosa di conosciuto, pur pesante e stagnante che sia, piuttosto che esplorare nuove strade che ci attirano perché più vibranti e vive.

Cosa c’entra questo con i capelli ? … ve lo racconto nel prossimo articolo.

Nuovo look, nuovo ciclo di vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *